Ultime notizie
Home » Messina Calcio » Messina-Casertana, premiato il lavoro di squadra

Messina-Casertana, premiato il lavoro di squadra

Giallorossi padroni del campo nella prima frazione, un po’ più rinunciatari nella ripresa in cui hanno sofferto gli attacchi rossoblu. Gran gara di Grifoni, caratterizzata da tanta corsa e tanto sacrificio. Bene anche Milinkovic e Madonia.

Il Messina targato Cristiano Lucarelli torna alla vittoria dopo un periodo non semplice, in cui i giallorossi erano reduci da ben 5 sconfitte nelle ultime 6 gare. Ottimo primo tempo per la compagine biancoscudata, assoluta padrona del campo; meno bene la ripresa, in cui Milinkovic e compagni hanno abbassato un po’ più il baricentro a causa della pressione portata dai falchi.

Gran partita del neo acquisto Grifoni, uno dei migliori, che, con tanta corsa e spirito di sacrificio, ha dato un notevole contributo alla squadra sia in fase di copertura che in fase offensiva. Bene anche Madonia, ieri chiamato a sostituire Pozzebon, e Milinkovic, molto generoso.

PAGELLE

Berardi: Voto 6. Non particolarmente impegnato nell’arco dei 90 minuti, in cui è stato costretto ad intervenire soltanto in qualche circostanza, effettuando delle uscite tempestive. Niente da fare per lui sul gol della Casertana.

Rea: Voto 6,5. Gara positiva per il difensore giallorosso, condita anche dalla rete del raddoppio con un pregevole colpo di testa sugli sviluppi di un corner. Guida alla perfezione il reparto arretrato, la cui unica distrazione costa cara e consente agli ospiti di accorciare le distanze.

Grifoni tra i migliori all'esordio nel Messina.
Grifoni tra i migliori all’esordio nel Messina.

Maccarrone: Voto 6. Conferma quanto di buono fatto nel corso della settimana nella sfida con la Vibonese in Coppa; buona copertura difensiva e grande sicurezza.

De Vito: Voto 6. Resta in campo nonostante uno scontro di gioco a metà primo tempo. Gara sufficiente per lui, in cui concede poco o niente agli avversari sulla sua corsia.

Grifoni: Voto 7. E’ uno dei migliori in campo. E’ l’ultimo arrivato ma si inserisce alla perfezione in un gruppo reduce da prestazioni non esaltanti. Offre spinta e copertura per 70 minuti, cambiando anche ruolo a gara in corso, nonostante non fosse ancora al meglio della condizione. (Capua: Voto 6. Subentra al posto di Grifoni e si va a piazzare in mezzo al campo, andando a portare forze fresche al reparto di centrocampo).

Musacci: Voto 6. Primo tempo di grande sostanza, da lui passano gran parte dei palloni per la manovra offensiva giallorossa.

Foresta: Voto 6. Gara sempre di grande corsa per il folletto peloritano. Suo lo spunto che da vita al contropiede utile al vantaggio di Madonia. Potrebbe addirittura segnare successivamente ma non riesce a concretizzare e il pallone si perde a lato.

Mancini: Voto 6.5. Lucarelli sceglie di schierarlo da mezz’ala, diversamente a quanto aveva fatto fino alle scorse partite, in cui ha agito da trequartista. Si adegua alla perfezione ed effettua una gara di grande personalità.

Madonia: Voto 7. Viene schierato da prima punta al posto dello squalificato Pozzebon e si dimostra fondamentale per la manovra del Messina; ottimo nei movimenti e di grande aiuto nel far salire la squadra. Prestazione condita dal gol che porta i biancoscudati sul momentaneo 1-0. (Akrapovic: Senza voto. Entra ad un quarto d’ora circa dal termine, prendendo il posto di Madonia. Troppo poco per esprimere un giudizio.)

Ferri: Voto 6. Si mette a disposizione dei compagni, mettendo in apprensione la retroguardia rossoblu con la sua velocità ed imprevedibilità. Match importante per lui, che conferma i progressi fatti in Coppa. (Palumbo: Voto 6. Prende il posto di Ferri e va a posizionarsi sull’out destro della difesa giallorossa. Si divincola abbastanza bene in una fase dell’incontro in cui gli avversari hanno espresso la massima pressione.)

Milinkovic: Voto 7. Corre tanto e si sacrifica per la squadra. Negli ultimi 20 minuti viene un po’ isolato nel reparto offensivo, ma non si scoraggia e anche da solo fa la sua parte, sfidando la difesa avversaria e andando addirittura vicino al gol al 93’, quando è fermato solo dal palo.

ALL. Lucarelli: Voto 7. Si vede già la sua mentalità e il suo animo in questo Messina. Combatte con i suoi giocatori fino all’ultimo, ci mette grinta e passione, finendo quasi per entrare in campo per la tanta foga agonistica. Grande motivatore.


GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre notizie e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Carmelo Previti

Check Also

unnamed

Quinta edizione del Gran Galà del volley Messinese

GRAN GALA’ DEL VOLLEY MESSINESE QUINTA EDIZIONE; IN UN “PALACULTURA” GREMITO, ALLA PRESENZA DEL PRESIDENTE …